0

Il Canal du Midi

Classificato come Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO, il Canal du Midi e le chiuse di Fonséranes sono il fiore all'occhiello del turismo fluviale, assolutamente da non perdere
durante il vostro soggiorno nel sud della Francia.

Oggi sinonimo di relax e della dolce vita, il Canal du Midi offre al visitatore l’opportunità di scoprire la Linguadoca, una regione ricca di colori e sapori, al ritmo delle sue acque tranquille. Da Marseillan a Capestang a piedi, in bicicletta e in barca scoprirete le incredibili opere
architettoniche situate nei pressi di Béziers.

Balade vélo, bord canal du midi - Hérault, le Languedoc © Henri COMTE

Il Canal du Midi conta:

Ecluses de Fonséranes, Canal du Midi - Hérault, le Languedoc © Photothèque Hérault Tourisme - S.Lucchese

- 14 anni di opere
- 241 km di lunghezza, da Tolosa a l'Etang de Thau
- 63 chiuse e 350 opere d'arte
- 10.000 barche all'anno in transito
nelle chiuse di Fonséranes
- 90.000.000 m3 di acqua all'anno
per alimentare il canale
Il Canal du Midi è il corso d'acqua artificiale navigabile più lungo di Francia.

 

 

Paragonato alle costruzioni romane dall’Encyclopédie di "Diderot" e "D'Alembert", il Canal du Midi è stata una delle più grandi opere del XVII secolo. Le sue opere d'arte e la volontà di inserirlo nel miglior modo possibile all'interno del paesaggio ne fanno un'opera unica. Inoltre ha esercitato una notevole influenza sul commercio e sullo sviluppo del sud della Francia.

Un sito magico

Canal du Midi © Photothèque Hérault Tourisme - Julie-Noclercq

Nel sud della Francia, nel XVII secolo, nacque il progetto di collegare il Mediterraneo all'Atlantico. L'innovazione tecnica si combina con esigenze architettoniche e paesaggistiche,
creando qualcosa di davvero unico.

Tutto questo è stato possibile grazie alla volontà di un uomo, il geniale Pierre Paul Riquet di Béziers che ebbe il genio di risolvere il problema principale: l'alimentazione permanente e totale di acqua. Determinò il punto esatto della linea spartiacque tra i versanti dell'Atlantico e il bacino del Mediterraneo e poi deviò i corsi d'acqua circostanti facendoli confluire in un lago artificiale creato per questo scopo: il lago di St. Féréol. Le acque vengono ancora oggi trasportate fino a Seuil de Naurouze, dove viene effettuata la divisione tra est e ovest, alimentando entrambi i lati del Canal du Midi, uno verso Tolosa e l'altro verso l'Hérault e Marseillan.

Opere d'arte eccezionali

Ecluses de Fonséranes, Canal du Midi - Hérault, le Languedoc © Photothèque Hérault Tourisme - Julie Noclercq

Lungo il canale dell'Hérault, si alternano numerose opere d'arte, da ovest a est. Non esitate a scoprire questi tesori:

- Il Tunnel del Malpas: il primo tunnel al mondo scavato per un canale, proprio ai piedi dell’Oppidum d'Ensérune

- Le 9 chiuse di Fonséranes: una vera e propria scalinata di acqua che permette di attraversare 21,50 m di dislivello,
su poco più di 300 m.

- Il Pont-Canal di Béziers: quando il
canale passa sopra l'Orb, fiume
costiero "capriccioso".

- Ouvrages du Libron: deviazione, tramite un sistema originale, di un corso d'acqua
sopra il canale.

- L'Ecluse ronde d'Agde: costruita in pietra vulcanica, questa chiusa rotonda, unica nel suo genere, permette l'incrocio di tre corsi d'acqua (Canal du Midi, Hérault e Canalet)

- La Pointe des Onglous: la destinazione finale del viaggio, come luogo simbolico in cui le acque del canale confluiscono in quelle dell'Etang de Thau.

Divertimenti e tempo libero

Nel 1980 termina il trasporto merci sul Canal du Midi. Inserito nel Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 1996, lo spirito iniziale del canale cambia. Oggi viene usato per gite in barca, a piedi, a cavallo
e in bicicletta lungo le strade di alaggio.

Il Canal du Midi è uno dei modi migliori per visitare Béziers e la sua regione, apprezzando il carattere forte
del sud all'insegna della tradizione vinicola, delle corride e del rugby!

Ok

Continuando a navigare su questo sito web, accetti l’utilizzo dei cookies in particolar modo per realizzare l’elaborazione di statistiche sulle visite del sito, per proporti servizi e offerte adatte ai tuoi centri d’interesse, per proporti servizi di condivisione e per ottimizzare le funzionalità del sito internet.
Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla protezione dei dati personali e configurare i tracking cookies.